logo2
  • Segnapostoslide1
  • Slide2
  • Slide3
  • Slide4

L'agenzia delle Entrate, con la Risoluzione n.64 del 28 Giugno 2019, fa presente che la proroga al 30 settembre 2019 dei termini dei versamenti per Imposte dirette, IRAP, IVA, contributi INPS e diritto annuale CCIAA per i soggetti che esercitano attività economiche, per le quali sono stati approvati gli ISA, si riferisce a tutti i contribuenti che, contestualmente:

- esercitano, in forma di impresa o di lavoro autonomo, tali attività prescindendo dal fatto che gli stessi applichino o meno gli ISA (compresi i soci di società di persone, associazioni professionali, collaboratori di impresa famigliare, società di capitali e soci “in trasparenza”);

- dichiarano ricavi o compensi di ammontare non superiore al limite stabilito, per ciascun ISA, dal relativo decreto ministeriale di approvazione.

Ricorrendo tali condizioni, risultano interessati dalla proroga anche i contribuenti che, per il periodo di imposta in corso al 31 dicembre 2018:

- applicano il regime forfetario agevolato, previsto dall’articolo 1, commi da 54 a 89, della legge 23 dicembre 2014, n. 190;

- applicano il regime fiscale di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità di cui all’articolo 27, commi 1 e 2, del decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 luglio 2011, n. 111

- determinano il reddito con altre tipologie di criteri forfetari;

- dichiarano altre cause di esclusione dagli ISA (ad esempio: cessazione o inizio attività nel corso dell'anno 2018).

Ultime news

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
  • 31
  • 32
  • 33
  • 34
  • 35
  • 36
  • 37
  • 38
  • 39
  • 40
  • 41
  • 42
  • 43
  • 44
  • 45
  • 46
  • 47
София plus.google.com/102831918332158008841 EMSIEN-3